IMG_0332.JPG

LA POLACCA

Polacca alla Mela Annurca di Biagio Martinelli. Il celebre dolce aversano incontra la Mela Annurca Campana

SCOPRI

Conservare e promuovere la tradizione di un prodotto del territorio è qualcosa che pochi riescono a fare, soprattutto in campo culinario. È l’obiettivo dello Chef Pasticcere Biagio Martinelli. Il tutto nasce per tutelare e promuovere un prodotto simbolo del territorio campano: la Mela Annurca.  Martinelli originario di Aversa ha voluto reinterpretare, grazie alla Mela Annurca, il dolce simbolo di Aversa: la Polacca. Nasce così la Polacca alla Mela Annurca, che diventa il simbolo della nostra pasticceria.

Figlio d’arte di papà pasticcere, Biagio sin da bambino nel laboratorio di famiglia sogna di aprire una pasticceria tutta sua e portare avanti il suo pensiero di fare pasticceria. Nel 2017 apre la sua prima pasticceria proprio nella sua città. I suoi sono dolci legati sì, alla tradizione dell’arte dolciaria, ma non manca di certo un pizzico di innovazione. Il filo conduttore di ogni singola ricetta è la valorizzazione dei prodotti locali, ecco perchè nasce la Polacca alla Mela Annurca. 

La classica ricetta della celebre Polacca di Aversa prevede una farcitura alla crema e amarene, ma Biagio ha voluto creare una rivisitazione con un prodotto locale campano, e quale meglio della Mela Annurca. La ricetta di prevede la sostituzione delle amarene con le Mele Annurche che subiscono un processo di canditura con ancora la buccia, una tecnica spiega Martinelli, per non perdere le proprietà nutrizionali che sono presenti proprio nella buccia della Mela. È fondamentale per Biagio che si rispettino i valori nutrizionali delle materie prime e soprattutto che siano i suoi, dei dolci sani con un giusto equilibrio di zuccheri. 

Oltre alla farcitura, anche la copertura si rinnova. Infatti quella alla Mela Annurca di Martinelli, invece di essere ricoperta con la classica granella di zucchero semolato è ricoperta da una frolla alla mandorla. La Polacca alla Mela Annurca è un dolce adatto alla colazione, alla merenda ma anche come dolce della domenica